Home > virtualization, vmware, vmworld, vsphere > VMworld 2012 US – news, news e ancora news!

VMworld 2012 US – news, news e ancora news!

Ieri è c’e’ stata la prima keynote del VMworld 2012 a San Francisco che di fatto ha decretato l’apertura “ufficiale” della convention.

La general session

Non mi dilunghero’ piu’ di tanto in questo post nei contenuti di questa keynote (e’ possibile rivederla in differita sul sito VMware now): e’ partita con Paul Maritz (CEO di VMware fino al 1 settembre) che ha fornito uno sguardo agli ultimi 4 anni e ha riaffermato che il driver dei prossimi 4 anni sara’ la trasformazione da processi desktop-centrici/document-centrici in processi stream-centrici/mobili e social e che questa trasformazione avverrà in tre macro categorie: infrastruttura, applicazioni e accesso.

La keynote è poi proseguita con Pat Gelsinger (futuro CEO di VMware) che ha affermato come l’obbiettivo di VMware sia di andare vero il “software defined data center”. A questo punto Gelsinger ha introdotto la nuova vCloud Suite, ha annunciato vSphere 5.1 e ha annunciato che il licensing a vRAM e’ stato eliminato. E’ poi passato a parlare di DynamicOps e Nicira (ultimi acquisti di VMware), del supporto a OpenStack, di View, Wanova e Horizon.

L’ultima parte della keynote ha visto protagonista Steve Herrod (CTO&SVP R&D di VMware) e varie demo: ha iniziato con una demo di Project Serengeti per poi passare a un’introduzione all’Enhanced vMotion e alle direzioni future nello storage (virtual volumes, virtual flash e virtual SAN). Il tema successivo è stato far fronte alle esigenze di automazione e provisioning di servizi di rete: vCloud Director e gli altri tool di management della vCloud Suite sono i tool giusti per questo scopo e le vXLAN sono una componente chiave per la virtualizzazione del network.

E’ poi stato il turno del nuovo vSphere Web Client, di vCenter Operation Manager, del vCloud Connector e di una demo di vCloud Director e delle tecnologie correlate.

Herrod ha poi focalizzato l’attenzione sull’idea di un “mondo multi-cloud” e si è soffermato su Cloud Foundry, DynamicOps e Nicira, seguito da una demo dell’integrazione tra Nicira e vCloud Director.

Herrod ha infine concluso la keynote con una demo di una tecnologia che combina i social network e il management dell’infrastruttura virtuale.

News, news e news!!!

Nella keynote sono state annunciate numerose news, e molte altre sono state annunciate al di fuori della keynote e altre arriveranno nei prossimi giorni. In questo articolo cerchero’ di fare una sorta di bigino per potersi orientare, in prossimi post ne esaminero’ alcune.

vRAM addio

La prima novita’ (anche se era gia’ trapelata negli ultimi giorni) è la fine della vRAM e del licensing basato su di essa (chiamato da molti “vRAM Tax”). Il nuovo licensing (che si estende anche alla versione 5.0 almeno a quanto si evince dal documento vSphere 5 Licensing, Pricing and Packaging) e’ di nuovo basato sui processori fisici.

vSphere 5.1

Il nuovo vSphere 5.1, oltre a dei nuovi massimo (64 vCPU per VM, 1 Tera di ram per VM, 1 milione di IOPS per VM), ha numerose novita’:

  • un nuovo vSphere Web Client
  • Enhanced vMotion: possibilità di fare vMotion senza storage condiviso
  • migliorie allo Storage vMotion
  • migliore al SIOC
  • supporto alle vXLAN
  • nuovo virtual hardware versione 9
  • i nuovi aggiornamenti dei VMware Tools non richiederanno piu’ un reboot della VM
vSphere Data Protection (VDP)

Un nuovo prodotto di backup che manda in pensione il “vecchio” VDR. E’ basato sulla tecnologia di Avamar (prodotto di backup di EMC di fascia enterprise) di cui usa il potente motore di deduplica per ottimizzare i tempi di backup e di ripristino.

VDP è gestita esclusivamente da vCenter 5.1 tramite Web Client e supporta restore sia a livello di VM intera che a livello di singolo file.

VMware vSphere Storage appliance (VSA) 5.1

Nuova versione della VSA VMware: la capacità massima è passata a 27 TB, è possibile aumentare la dimensione della VSA online è possibile installare il vCenter dentro la VSA e un singolo vCenter puo’ gestire piu’ VSA.

vCloud Director 5.1

Anche il vCloud Director ha una nuova versione con numerose novità:

  • Elastic VDC
  • integrazione con i profile driven storage
  • possibilita’ di creare snapshot direttamente da vCD
  • integrazione con lo Storage DRS
  • integrazione con vShield Edge Gateway
  • DNS Relay
  • Load balancing
  • Single Sign-On con il vCenter
Site Recovery Manager 5.1 e vSphere Replication

SRM ora supporta anche vSphere Essential Plus, cosa molto importante per le SMB. Novità tecniche sono invece l’Application Quiescence, migliore allo stato di All Path Down, Forced Failover.

vSphere Replication è stato migliorato ed e’ ora completamente gestibile via vSphere Web Client

Conclusioni…

Di certo c’e’ moltissima carne al fuoco…e per fortuna che e’ “solo” una versione 5.1! Sicuramente nei prossimi giorni ci saranno altri annunci e novita’ e sara’ interessante seguire la prossima keynote di Herrod.

  1. No comments yet.
  1. No trackbacks yet.

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s

%d bloggers like this: